nello blancato

21 articoli

Tra mitologia e credenza popolare: gli incantesimi di “Montalleri” e gli spiriti di “Quagghialatti”

Gli incantesimi di Montalleri.  “Montalleri” è una collinetta, a Sud del colle di Akrai, composta da due cocuzzoli tali e quali le mammelle di una donna. Per tale rispondenza anatomica la fantasia popolare ha attribuito e consacrato a Làmia, figlia di Nettuno e  regina dei Lestrigoni, queste due piccole alture, formate […]

indovina-ventura

Per le feste arriva ancora l’indovina-ventura col pappagallo

“…Ricchezze, onori, amore, proprio tutto quello che volete, non mancherà al più presto possibile di venire incontro alla vostra persona…” Nei primi di giugno mi trovavo a Bologna ad un tavolo del bar “Serendipity” per un aperitivo e per un po’ di refrigerio. Ed ecco che, come se fosse uscito […]

corso002

Il Corso: le attività lavorative negli anni ‘50 -‘60 e dintorni (numeri civici pari)

…si poteva trovare uno di tutto: zucchero a pezzi, scampoli di tela, posate, mutande, essenze per liquori, lenzuola, batterie da cucina, reggipetti…  Negli anni ’50 – ’60 Palazzolo aveva il volto di un paese tranquillo, ordinato, pulito, popolato da gente serena, dignitosa, ricca di buon senso. Le strade erano piene […]

corso visto da san sebastiano

Il Corso: le attività lavorative negli anni ‘50 -‘60 e dintorni

IL CIVICO 13 OSPITAVA OCCASIONALMENTE SPETTACOLI E BALLETTI DI SCIANTOSE CHE FACEVANO DIVERTIRE ADULTI E VITELLONI… CONTINUIAMO CON IL COMPORRE IL FRASTAGLIATO MOSAICO (PROBABILMENTE NON SCEVRO DI INESATTEZZE) DEGLI ESERCIZI COMMERCIALI E ARTIGIANALI RELATIVO AGLI ANNI ’50, ’60, UN’EPOCA CHE OGGI APPARE LONTANISSIMA, OBSOLETA, PER VIA DELLA RAPIDITÀ DEI CAMBIAMENTI […]

piazza del popolo palazzolo acreide

Piazza del Popolo: le attività lavorative negli anni ‘50 -‘60 e dintorni

La vita sociale, politica, religiosa, economica della comunità palazzolese ha trovato e trova nella Piazza e nel Corso i punti di riferimento privilegiati. Di tutti questi aspetti intendiamo trattare quello economico legato a quel microcosmo di negozi e botteghe operanti in questi due nuclei strategici della città. Per tentare di […]

Il-Corso-di-Palazzolo-negli-anni-40_2

Il Corso: salotto mondano di Palazzolo

Corso Vittorio Emanuele, vecchia materna strada con maliziosa curva lieve: l’antica insaziabile passeggiata di generazioni paesane: in aeternum! … Continuando, dopo il terremoto del 1693, la tendenza di sviluppo della città nel quartiere di S. Sebastiano, cioè in una zona più alta, nel nuovo centro incomincia a prendere fisionomia il […]

24_PhScalia_SR_PalazzoloAcreide_1258727997639

Piazza del Popolo: cuore e luogo della memoria di Palazzolo

…mai una lite, una volgarità ch’io abbia visto: gente dritta, dignitosa, “luogo” dove si parla, ci si confronta civilmente…  PALAZZOLO. L’agorà, con tutt’intorno gli edifici pubblici più rappresentativi, era la piazza principale delle polis greche: lì avevano luogo le assemblee e gli incontri dei cittadini. L’agorà di Akrai, L. Bernabò […]

scopaio

U scuparu (Lo scopaio)

“..le curine, una volta raccolte, si mettono a seccare per un paio di mesi, per evitare che la scopa si possa allascari e conseguentemente si allenta l’incordatura. Le palmette esterne, scupazzi, prima di lavorarle, si mettono a mollo per un giorno per renderle meglio maneggevoli, meno iaspri (coriacee)” A Palazzolo la chiamavano a Calabrisa.  Andava in giro con un […]

san paolo palazzolo acreide

Paolo Giliberto ossia Paulu u ciaràulu

“Palazzolo Acreide città santa de’ ciaràuli”(a margine del 29 giugno, festa di san Paolo) Un certo Mastro Natale Lo Gatto, della Terra di Chiaramonte, nell’anno 1667 scriveva: “Li cerauli nascono la notte di S. Paulo Apostolo e hanno una tarantola supta la linguella: li medesimi addimesticano onni sorte di serpi, e […]

77.5-edicola-v-nazionale-1

La “Storia dell’uraganu” del 24 ottobre 1872 a Palazzolo

“La Specola d’Inghilterra conobbe che dovea succedere un terribile uragano nelle nostre sicule contrade, e ne avvisò i Prefetti… ” Così registrava il cappuccino palazzolese P. Giacinto Farina nel suo manoscritto “Selva di notizie storico tradizionali di Palazzolo Acreide”. E l’Osservatorio astronomico inglese aveva previsto bene;  infatti da lì a qualche giorno, esattamente […]

Quando si usavano ‘a conca e ‘a cunculina per combattere il freddo

‘Uuu nuuuuuzzuliddu ppi cuooncheee… ‘Uuu nuuuuuzzuliddu ppi cuooncheee… nuozzulu, nuozzulu… Era come l’arrivo delle rondini a primavera quello del venditore di nuzzuliddu, solo che il buonuomo, al contrario delle rondini, annunciava l’inizio della stagione fredda. La sua vanniata spegneva ogni residua illusione, era arrivato il freddo, bisognava attrezzarsi per combatterlo: le donne accorrevano […]

Il venditore di medicina per i calli

Il callo è un piccolo ispessimento dello strato corneo dell’epidermide, che, sottoposto a ripetuta pressione, tende ad addentrarsi in profondità provocando dolore anche di notevole intensità.  Sede elettiva sono le superfici dorsali delle dita dei piedi in corrispondenza delle articolazioni delle falangi. Il callifugo (lat. callus, callo e fugus, che mette in […]

Neve, neviere e nivari. Viaggio intorno al freddo

Nei primi decenni del secolo scorso a Palazzolo, la neve, abbondante, si vendeva al prezzo di cent. 20 il chilogrammo. Gli  inverni di una volta però erano senz’altro più rigidi e le nevicate sui declivi dell’Acremonte non erano affatto infrequenti, anzi. Una controprova di quanto asserito, tra gli altri, ce la […]

I “santuari” dell’oblio: le taverne

Le vecchie taverne di una volta sono in buona parte scomparse e le poche rimaste si affidano ai novelli buongustai e ai nostalgici incalliti.  PALAZZOLO ACREIDE. Le osterie o taverne o bettole, nella tradizione locale, sono state il punto di riferimento privilegiato dalle varie categorie di maestranze.Dopo una giornata di […]

Fontane e acqualuori a Palazzolo

Palazzolo Acreide. Prima che venissero costruiti gli acquedotti pubblici l’approvvigionamento idrico dei vari centri urbani era affidato alle fontane dove erano convogliate le sorgenti di maggiore portata: ad esse attingevano le donne e gli acqualuori; questi ultimi, per mestiere, vendevano l’acqua a chiunque ne facesse richiesta. Le fontane di solito erano […]

Il maniscalco

“I maniscalchi non possono ferrare le vetture) nè salassarle o medicarle nelle strade, ma in luoghi ritirati e rinchiusi da muri. Il sangue però non possono versarlo a terra, ma raccoglierlo nei tinelli”. Palazzolo Acreide. Lavora per appuntamento e quando è chiamato per un intervento si sposta esclusivamente con l’auto […]